Venerdì, 07 Febbraio 2020
Service
locale
Panchina della libertà di stampa

“Anche Trieste avrà la “Panchina della Libertà di Stampa” e sarà una di quelle del rinnovato giardino di piazza Hortis, vicino alla statua di Italo Svevo e all'emeroteca comunale, dove i cittadini possono consultare gratuitamente tutti i giornali». La conferma l'ha data ieri il sindaco Roberto Dipiazza nel corso di un incontro in Municipio, con il presidente nazionale dell'Ordine giornalisti Carlo Verna, accompagnato dal presidente regionale Cristiano Degano con il segretario Mattia Assandri, il tesoriere Giulio Garau e il consigliere nazionale Pietro Villotta. A cura di Ordine dei giornalisti, Rotary Trieste Nord e Comune di Trieste, sulla panchina di piazza Hortis sarà collocata una targa con le prime righe dell'articolo 21 della Costituzione italiana: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure». Trieste rientra quindi tra le prime città (il 26 ottobre 2018 lo aveva fatto Monfalcone) che hanno accolto in merito l'appello ai sindaci.”

Il 26 ottobre scorso, a Ronchi dei Legionari, in occasione del conferimento della cittadinanza onorario a Matthew Caruana Galizia, il figlio di Daphne Caruana Galizia (la giornalista maltese assassinata per le sue inchieste nel 2017), è stata inaugurata la "Panchina della Libertà di Stampa", posizionata davanti al Municipio. Nell’occasione, due giornalisti che vivono attualmente sotto scorta, Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo, hanno lanciato un appello rivolto a tutti i sindaci d’Italia affinché adottino l’articolo 21 della Costituzione con un segno chiaro e visibile sul territorio in favore della libertà di stampa, così come realizzato dal Comune di Ronchi. L’idea del nostro Club è stata quindi di raccogliere questo appello dedicando, anche a Trieste, una panchina alla libertà di stampa. Il Consigliere Cristiano Degano ne ha parlato con il Capo di Gabinetto del Sindaco, il collega giornalista Vittorio Sgueglia della Marra, che a sua volta ha raccolto la disponibilità del Sindaco Dipiazza.

Raccolto il suggerimento di non provvedere al posizionamento di una nuova panchina ma di “adottare” una già esistente, anche per semplificare le procedure, che avrebbero altrimenti richiesto l’assenso della Soprintendenza e quindi tempi piuttosto lunghi.

È stata così individuata una panchina del giardino di Piazza Hortis (situato in una zona centrale della città, proprio davanti alla statua di Italo Svevo e all’emeroteca dove i cittadini possono consultare gratuitamente tutti i giornali) e studiata l’apposizione di una targa che riporti le prime righe dell’articolo 21 della Costituzione italiana "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”, con il logo del Comune di Trieste, del Rotary Trieste Nord, dell’Assostampa e dell’Ordine dei Giornalisti.